HO BISOGNO DI TE: cara Speranza


             Lettera alla speranza


Cara Speranza,

Ho bisogno urgentemente di te. Si dice che tu sia l’ultima a morire, ma credo che tu sia fuggita da un bel po’, e non ti biasimo.
Sai,credo proprio di aver capito il motivo per cui l’hai fatto: lo sento sempre al telegiornale. Ogni giorno ascolto solo brutte notizie. Oh, che dolore! Nel mondo imperversano le guerre, in Siria, in Israele, in Iraq e in Corea. E poic’è questa crisi economica. Tutti ne parlano e tutti ne sono scoraggiati.Ecco, nel mondo, al posto tuo, sono arrivati i tuoi acerrimi nemici, lo Scoraggiamento, l’Odio, l’Egoismo. In realtà non ho capito bene cosa sia questacrisi: sento solo che lo “SPREAD” si alza, le borse crollano, le imprese chiudono, gli imprenditori si uccidono, lo Stato non ha i fondi, i politici
litigano, le tasse si alzano, le famiglie non hanno più nulla da mangiare, la gente parla male dei parlamentari, i loro volti si fanno sempre più scuri, i giovani se ne stanno con le mani in mano, tutti, appena pronunciano la parola “crisi”, perdono le forze e il coraggio di fare qualcosa, e tutto, insomma, va
a rotoli. Hanno perso te. Ma certo, tu sei fuggita. Tempo fa, gli uomini ti tenevano stretta e non vivevano senza di te perché eri l’unica che dava loro la voglia di continuare a sognare per realizzare, tu felice li aiutavi e tutto viveva in una perfetta armonia. Ma poi sono arrivate le innovazioni scientifiche e tecnologiche. Tutti avevano voglia di costruire, creare, realizzare. “A cosa serve sperare, siamo invincibili! Possiamo contare sulle nostre forze!” dicevano, e tu, offesa, te ne sei andata e con te hai portato via i colori, le belle emozioni. Il mondo è diventato più frenetico, veloce e ripetitivo, ma, quando sono arrivati i problemi, tutti sono impazziti, senza sapere dove sbattere la testa. E nessuno spera più. Ma io ancora credo in te.
Ritorna, riporta con te la gioia, il buon umore, la voglia di rimboccarci le maniche. Anche se non vogliamo ammetterlo, abbiamo bisogno di te, sei l’unica
che potrà salvarci.

Ti saluto in attesa di una tua risposta,

Un bambino che ancora spera.

Oggi si incontrano volti senza speranza, immersi in una profonda tristezza, che cercano di poter ritrovare la felicità nei giochi d'azzardo, nelle macchinette mangiasoldi, lotterie varie, oppure buttandosi nell'alcool, nella droga e in una vita senza regole e soprattutto senza Dio. La Speranza sembra fuggita ma in realtà è in ognuno di noi, è una grazia che ci è stata donata da Dio e che non si può né comprare né tantomeno appropriarsene. Solo se vogliamo vivere una vita in pienezza dobbiamo avere speranza per portarla agli altri come una luce che illumina il cammino attraverso la nostra testimonianza di amore per Gesù e la gioia di vivere il Vangelo. Se ognuno di noi avrà fede di credere nella Speranza che solo Dio ci può dare, la vita avrà un sapore diverso e tutto nuovo e se poi ci mettiamo un pizzico d'amore il cammino verso la speranza sarà pieno di gioia. Se tutti potessero ritrovare la Speranza nel proprio cuore potremmo sentirci tutti fratelli per camminare insieme, senza più temere guerre e crisi. 

 

                                                                                                                   Giorgio Sciamanna


                                                                                                                                                                                                                                  

[HO BISOGNO DI TE: cara Speranza  -  Inserita il 10/09/2013]


Radio (AP) Copyright 2012 -2013 Radio

Login Form

. Radio (AP) Copyright 2012-2015 Radio Christus - Tutti i diritti riservati (info@radio-christus.it)